La medicina narrativa

La medicina narrativa orienta a una soggettivizzazione del paziente, visto in tutta la sua complessità e unicità. Le storie offrono l’occasione di contestualizzare dati clinici e soprattutto bisogni, e permettono di leggere la propria storia con gli occhi degli altri, apportando una ricchezza e una pluralità di prospettive oggi assenti. La narrativa permette al paziente di sentirsi non isolato, ma al centro della struttura e questo offre, a sua volta, agli operatori ospedalieri la possibilità di avere una visione più completa dei problemi. La narrazione della patologia del paziente viene quindi considerata al pari dei segni e dei sintomi clinici della malattia stessa. Comunicare il proprio stato di malattia e relazionarsi empaticamente aiuta inoltre il paziente a:

  • prendere decisioni con più consapevolezza;
  • relazionarsi con gli altri;
  • esprimere stati d’animo e disagi;
  • condividere testimonianze che potranno essere utili ai professionisti o ad altri pazienti.

In questa sezione i malati potranno descrivere tutte le loro esperienza di dolore confrontando la propria sofferenza con quella vissuta e raccontata da altre persone.

Commenta