Che cosa è l’artrite reumatoide?

È una malattia infiammatoria cronica che causa dolore, rigidità, arrossamento e tumefazione delle articolazioni, che sono abitualmente interessate in modo simmetrico. La progressione della malattia può portare a deformità, disallineamenti e danni articolari definitivi. La causa della malattia è sconosciuta, ma si pensa sia dovuta all’aggressione del sistema immunitario contro componenti dell’organismo (malattia autoimmune): sembra che esista una predisposizione familiare, su base genetica. L’artrite reumatoide si presenta solitamente in persone tra i 40 e i 60 anni, in maggioranza donne, ma può affliggere anche bambini e anziani.

Quali sono i principali sintomi della malattia?

I sintomi principali sono dolore, tumefazione, difficoltà di movimento e rigidità delle articolazioni. Il dolore dell’artrite reumatoide viene solitamente descritto come sordo, simile al dolore causato dal mal di testa o di denti. Il dolore è più intenso al mattino, periodo nel quale non è raro il verificarsi di rigidità articolare per circa trenta minuti/un’ora. Durante il giorno si possono avere affaticamento, perdita di appetito, febbricola, sudorazione eccessiva e, di notte, difficoltà del sonno. I sintomi possono variare da persona a persona e, nell’ambito della stessa persona, nel corso del tempo.

Come si può curare l’artrite reumatoide?

La terapia dell’artrite reumatoide prevede un approccio globale basato sull’utilizzo di farmaci, esercizio fisico, modifiche dello stile di vita e talvolta interventi chirurgici, e consente a molte persone di vivere una vita normale. Gli obiettivi della terapia sono mantenere la capacità di movimento e la funzionalità delle articolazioni, la riduzione del dolore e la prevenzione del danno articolare. È fondamentale trovare un equilibrio tra riposo ed esercizio nella gestione dell’artrite reumatoide: occorre infatti continuare a muovere le articolazioni per mantenerne la mobilità, ma senza affaticarsi e infiammare le articolazioni stesse. Camminare e sollevare piccoli pesi può rinforzare la muscolatura indebolita senza rischio di danneggiare le articolazioni.

Quali sono i farmaci utilizzati per curare l’artrite reumatoide?

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) possono aiutare a ridurre i sintomi. I corticosteroidi riducono l’infiammazione e sembra possano rallentare il danno articolare. I farmaci antireumatici in grado di modificare il decorso della malattia (i cosiddetti DMARD) rallentano o fermano la progressione della malattia, intervenendo sul sistema immunitario. Anche in considerazione degli effetti avversi legati alle diverse tipologie di farmaci, è fondamentale che sia il medico a prescriverli e con lui si deve concordare la terapia più adatta.

 

Scarica la scheda in formato pdf

Commenta